Dichiarazione Enea 2018 – Interventi di Risparmio Energetico
Dichiarazione Enea 2018 – Interventi di Risparmio Energetico  Dal 2018 coloro che hanno realizzato interventi di recupero edilizio e/ o di messa in sicurezza di immobili sotto il profilo antisismico e/o di acquisto di mobili e grandi elettrodomestici connessi con un intervento di ristrutturazione immobiliare sono tenuti ad una nuova comunicazione nei confronti dell’Enea, laddove dall’intervento consegua anche un miglioramento energetico. La nuova comunicazione è prevista in presenza dei seguenti interventi laddove si voglia beneficiare delle relative detrazioni fiscali: la nuova comunicazione riguarda solo gli interventi di ristrutturazione edilizia per cui spetta la detrazione IRPEF del 50% di cui all’articolo 16-bis Tuir che comportano un risparmio energetico. Secondo le indicazioni fornite dall’Enea sul proprio sito web ufficiale la comunicazione in esame dovrà riguardare:
  • gli interventi di coibentazione delle strutture edilizie (interventi di riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati con l’esterno, i vani freddi e il terreno;
  • interventi di isolamento delle strutture opache orizzontali e coperture che delimitano gli ambienti riscaldati con l’esterno e i vani freddi;
  • interventi di isolamento dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati con l’esterno, i vani freddi e il terreno);
  • interventi di sostituzione dei serramenti comprensivi di infissi delimitanti gli ambienti riscaldati con l’esterno e i vani freddi;
  • installazione di collettori solari(solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti.
  • acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, effettuati in connessione con l’esecuzione di interventi di recupero edilizio iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2017 (comma 2)
La comunicazione dovrà inoltre essere effettuata in relazione agli interventi di:
  • sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • installazione di pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sistemi ibridi(caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • microcogeneratori (Pe<50kWe), scaldacqua a pompa di calore e generatori di calore a biomassa;
  • installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;
  • installazione di sistemi di termoregolazione e building automation;
  • installazione di impianti fotovoltaici(potenza massima 20 kW).
La comunicazione, infine, dovrà essere effettuata anche nel caso di acquisto di elettrodomestici per i quali si fruisce del bonus mobili (sono dunque esclusi gli arredi), ma solo se collegati ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1°gennaio 2017. In particolare, la trasmissione dovrà essere effettuata per i seguenti elettrodomestici (di classe energetica minima A+ ad eccezione dei forni la cui classe minima è la A): forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga e lavatrici. L’invio della comunicazione dovrà sempre avvenire entro il termine dei 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo. I clienti interessati possono rivolgersi ad AssistenzaFiscale.net presso i nostri uffici di via Orlanda 202/a a Mestre – Venezia per l’invio della dichiarazione Enea 2018 relativa al risparmio energetico qualora necessitassero di assistenza per la presentazione della nuova comunicazione .